Consigli su tipologie e colori del parquet

Published by

Posted on 18 gennaio 2017

Il parquet, grazie alle sue qualità di prestigio ed alle sue innumerevoli possibilità di decori, intarsi e disegni, è ormai  diventato un elemento d’arredo a tutti gli effetti.

Esistono in commercio numerosissime essenze, colori, sfumature e venature che lo rendono particolarmente adatto per ogni tipo di arredo e contesto abitativo. Occorre, tuttavia, tener presente alcuni fattori quando si sceglie il parquet, per esempio è importante sapere quanta luce colpirà il pavimento in legno che vorremo posare.

Il legno, infatti, a contatto con la luce può ossidarsi e subire delle variazioni cromatiche, per cui potrebbe capitare che a contatto con molta luce il nostro parquet possa diventare più scuro, o nel caso del teak, più chiaro.

I legni utilizzati per il parquet sono classificate in quattro categorie di colore:

  • I legni rossi: sono il merbau: essenza asiatica di colore bruno che con l’eccessiva esposizione alla luce, tende a modificarsi; Il Doussiè Africa: essenza dorata-rossiccia, che si presta a differenti usi, anche nel caso di pavimenti con riscaldamento a pavimento.
  • I legni Chiari: sono l’acero americano, è un legno di colore beige molto chiaro che difficilmente si ossida. Il faggio: essenza tipicamente europea, dalla tonalità rosata, che poco sopporta gli sbalzi di temperatura e pertanto è inadatta a pavimentazioni con riscaldamento a pavimenti. Il rovere è un legno chiaro che, con il trascorrere del tempo, assume una tonalità giallo paglierino. E’ molto sensibile all’umidità ed alle variazioni climatiche per cui è poco adatto a pavimenti con riscaldamento a pannelli.
  • I legni scuri: Il wengé-Panga: essenza africana particolarmente scura, non subisce variazioni di colore se esposta a raggi solari. Il mutenye: anche questa è un’essenza africana che si presenta però in tonalità di colore diverse, dal marrone tendente al giallo fino ad arrivare al grigio tendente al nero. E’ un legno resistente ma poco adatto al riscaldamento a pannelli radianti.
  • I legni bruni: L’iroko è un’essenza proveniente dall’Africa. Il suo colore giallo cambia con l’esposizione alla luce: è un’essenza particolarmente indicata per ambienti umidi, come bagni e cucine. Il teak è un’essenza color tabacco di provenienza sia asiatica che africana ed è estremamente resistente all’umidità. L’Afrormosia: essenza africana leggermente olivastra, resistente alle escursioni termiche ben si adatta ai pavimenti con riscaldamento a pannelli.